Intervista a Marco Fichera

Giustizieri: «Ho visto che nell’ultimo scontro ti sei innervosito. Questi momenti in cui ti agiti così ti danno una spinta in più o adrenalina e riesci a batterti meglio?»
Fichera: «Ma guarda, dipende da persona a persona. Io so quali sono i miei limiti quindi riesco a gestire queste situazioni perché mi carico o piuttosto frenare il nervosismo quando vedo che diventa negativo o controproducente. E’ una cosa molto personale e cambia da assalto ad assalto e da come sei messo mentalmente.»

Giustizieri: «Del posto in generale cosa ne pensi? E dell’organizzazione?»
Fichera: «E’ organizzata molto bene, è spazioso quindi non si perde tanto tempo. La sala delle finali è allestita in modo intelligente e carino, quindi non ho nulla da dire.»

Giustizieri: «I tuoi obiettivi futuri?»
Fichera: «Ora ci avviciniamo al momento clou della stagione: i campionati italiani aprono un trittico di gare che vedono europei e poi mondiali che sono le gare che contano fondamentalmente durante l’anno, sicuramente la stagione di coppa del mondo merita rispetto, le gare di coppa del mondo sono gare difficilissime, forse a volte molto più difficili del campionato del mondo ma è inutile negarlo: il campionato del mondo è quello che poi alla fine fa la differenza tra una stagione molto bella e una stagione normale.»

Giustizieri: «Questi campionati italiani come li vedi? Fine a se stessi oppure li vedi come preparazione agli europei che si terranno la prossima settimana?»
Fichera: «Sicuramente un titolo italiano è molto importante, fare bene in Italia è sempre importante, è ovvio che nel piano di lavoro di ogni atleta ci sono dei periodi di carico e di scarico ed è chiaro che si sta programmando in questo momento il mondiale, addirittura l’europeo è sicuramente un appuntamento fondamentale ma il mondiale è l’appuntamento che conta in generale. Il campionato italiano è un viatico verso questi due appuntamenti, sarebbe più bello però farli in un altro momento perché aggiungerebbe valore al campionato italiano perché sicuramente ora, come dicevo, lo affronti come un periodo di preparazione all’europeo. Però nessuno lo vuole sottovalutare, in questo momento siamo tre su quattro che parteciperanno ai prossimi campionati europei e siamo in semifinale, sintomo che nessuno li vuole sottovalutare.»

Giustizieri: «Da giovane hai mai ambito a fare qualcos’altro nella vita?»
Fichera: «Io studio scienze politiche e sicuramente mi piacerebbe fare l’avvocato o piuttosto studiare diritto quindi è una cosa che in futuro vorrò fare e chiaramente bisogna incastrare impegni sportivi con quelli professionali di lavoro o di studio, vedremo di riuscirlo a fare, dipende un po’ dai periodi. In questo periodo è impossibile, in altri periodi studio.»

Manuel Giustizieri
3C-Liceo scientifico “Duca degli Abruzzi”

Photo by Jasmine Girolami – 4A Liceo Classico “Dante Alighieri”

Spread the love

Commenti chiusi