Intervista alla squadra di fioretto femminile dell’Aeronautica Militare

Intervista alla squadra di fioretto femminile dell’Aeronautica Militare dopo la vittoria in finale ai danni della squadra dei Carabinieri.

 

Palatiello: «Come vi sentite dopo questa vittoria? Siete soddisfatte del risultato raggiunto?»

Palumbo: «Sì, lo cercavamo da tanto e quest’anno siamo arrivate alla gara con la consapevolezza che avremmo potuto vincere e che avevamo tutte le carte in regola per poterlo fare. In tutti questi anni ci è sempre sfuggito il podio, quest’anno, invece, siamo arrivate convinte e determinate. Avevamo solo bisogno di essere unite e di fidarci. Alla fine questo momento è arrivato e ne siamo contentissime. »

«Durante l’assalto avete mai pensato di non poter vincere contro l’avversario?

«No, questo no. Credo che oggi la chiave della vittoria sia stata proprio quella di crederci sempre e nella difficoltà dell’una sopperiva l’altra.»

 «Per quanto riguarda l’arbitraggio vi sentite di dare una valutazione? Credete sia stato corretto?

«Arbitrare a questi livelli non è mai facile, gli errori fanno parte del gioco, così come le idee discordanti. In definitiva credo sia stato un arbitraggio giusto, aldilà di alcuni errori che ci sono stati, come del resto ci sono stati da parte nostra. Quindi niente da ridire.»

 «Vi trovate bene come squadra?»

«Sì, benissimo. Facciamo tutto l’anno gare insieme e ci alleniamo insieme, quindi siamo molto unite e amiche tra di noi.»

«Anche al di fuori dello sport?»

«Sì, assolutamente sì.»

«Avete qualche rito scaramantico prima dell’inizio delle gare?»

«Oggi ce n’è stato uno ma non si può dire…è stato un motto che ci ha caricate e ha allentato la tensione. »

 

Claudia Palatiello

3BL – Liceo Classico “Dante Alighieri”

Photo by Andrea Minin – 3C Liceo Scientifico “Duca degli Abruzzi”

Commenti chiusi