LAURA AGOSTINI: l’esperienza alternanza scuola-lavoro

All’inizio non sapevo bene cosa aspettarmi da questo progetto, né credevo che quest’esperienza avrebbe potuto darmi così tanto, specialmente sul piano personale: in questi quattro giorni, molto intensi e spesso sfiancanti, ho potuto imparare tantissimo, da cose concrete a qualcosa in più su di me e sugli altri. 

Il mio ruolo è stato quello di fotografa: dovevo affiancare gli intervistatori e aiutarli nel momento in cui si fossero trovati in difficoltà. Questo incarico ci ha permesso di entrare in contatto diretto con gli atleti, dai campioni – come Bebe – a quelli che stanno ancora affermando il proprio nome, ci ha avvicinati al mondo della scherma ma, soprattutto, ci ha dato la possibilità di vivere un’esperienza che, altrimenti, avremmo difficilmente potuto avere.

Non nascondo che spesso sono passata, assieme agli altri fotografi della nostra redazione, davanti a quelli che svolgono questo compito professionalmente, cercando di emulare ciò che facevano e farlo il più possibile mio. Ho sentito di essere presa davvero in considerazione quando il fotografo ufficiale della Federazione Italiana Scherma, Augusto Bizzi, mi ha dato più di un consiglio mentre fotografavamo una premiazione: sento che potrei imparare tantissimo in un ambiente come questo.

Non penso che lavorare in una redazione con i miei coetanei sia stata un’esperienza da tutti i giorni, anzi: è davvero fuori dal comune, ed è fantastico che noi giovani abbiamo potuto avere questa possibilità. 

Prendere parte a questo progetto è stato veramente importante per me, dal piccolo contributo che ho dato in questi giorni vorrei passare a qualcosa di più consistente, facendo sempre parte di un team così coeso com’è stato il nostro.

Tirando le somme, da queste giornate ho imparato molto riguardo alla scherma, ma soprattutto sul ruolo del fotografo e sulla collaborazione, elemento fondamentale per lavorare in una squadra che funziona, proprio come la nostra.

Laura Agostini

4A –  Liceo Classico “Dante Alighieri” 

 

Spread the love

Commenti chiusi