da Il Piccolo

Lo organizza oggi l’Ugg nell’ambito del 150° di fondazione. Il Comune: «È un parco al quale teniamo moltissimo»

Gorizia prova a riappropriarsi di un pezzo di se stessa e dalla sua storia, e lo fa attraverso l’iniziativa di una realtà che, della città e della sua storia appunto, fa parte a pieno titolo. E da un secolo e mezzo.

È un’idea intrigante (e, si spera, anche vincente) quella del “Picnic in Valletta”, che l’Unione ginnastica goriziana con il patrocinio del Comune promuove per la giornata di oggi nell’ambito delle iniziative per il 150° anniversario di fondazione. Un progetto che ha, dunque, un doppio scopo: continuare a brindare al secolo e mezzo di vita con tutta la cittadinanza, da un lato, e contribuire a rivitalizzare il parco della Valletta del Corno, da tempo “dimenticato” dai goriziani prima (e soprattutto) per la maleodorante presenza del torrente che gli dà il nome, poi per i bivacchi dei migranti che tanto hanno fatto discutere in città.

«Come è noto noi gestiamo la palestra della Valletta – racconta il presidente dell’Ugg Mario Corubolo -, e quindi vorremmo che anche gli spazi che la circondano siamo amati e vissuti dai goriziani. In tal senso vogliamo fare la nostra parte con questa iniziativa, che va anche nella direzione di porre la nostra società ancor più vicina alla città, anche al di fuori dell’ambito sportivo. Se poi l’evento dovesse riuscire, potremmo anche pensarlo di riproporlo con maggiore frequenza».

Continua a leggere su “Il Piccolo”