Intervista ad Alessandro Lispi, direttore di gara il quale arbitrerà la finale di fioretto femminile, che avrà tra le protagoniste Bebe Vio.

 

Roberto Sartori: Alessandro Lispi, come stanno andando questi campionati di scherma? Alessandro Lispi: “Questi assoluti stanno procedendo perfettamente, tutta l’organizzazione sta lavorando in maniera ottimale. Anche nella sezione paraolimpica i match si stanno svolgendo correttamente e senza intoppi e le sfide non si stanno allungando più del previsto, quindi generalmente posso dire che sta andando tutto bene!

Il fatto che la finale che lei arbitrerà avrà come protagonista anche Bebe Vio, aumenta la sua pressione?
“Diciamo che una volta indossata la maschera sono tutti schermidori e schermitrici. Sono tutti uguali. Comunque ho già diretto gare alle quali ha partecipato Bebe, quindi non sarà un problema arbitrarla un’altra volta.

Il padre di Beatrice ha rilasciato una intervista dove dice che purtroppo, chi vince spesso, dopo un po’ viene dato per vincitore scontato. Nella scherma i pronostici possono essere ribaltati? “Nella scherma non solo i pronostici si possono ribaltare, ma sono anche ribaltati spesso. Bisogna cercare di essere concentrati sempre al 100% perché basta sbagliare due o tre botte e il match si può complicare.”

Questa finale può risultare tecnicamente spettacolare? “Sì, sicuramente può risultare spettacolare. Poi dipende tanto da come il match si andrà ad incanalare e anche da come le due atlete interpreteranno questa finale dall’inizio. In ogni caso i presupposti sono il preludio di un’ottima sfida.”

 

Roberto Sartori

3A – Liceo Scientifico “Duca degli Abruzzi”

Photo by Francesca Kenda – 4A Liceo Classico “Dante Alighieri”